Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

Oggi all'I.C.Don Bosco, grazie ad un progetto sui diritti delle donne pensato dalla prof.ssa Carmela Impellizzeri, si parla insieme alla scrittrice e prof. Mariella Fiume di uno spaccato triste della storia siciliana.
Agli occhi attenti dei ragazzi di II E si racconta di donne capitine,di violenze subite dal battaglione dell' operazione Husky : nome in codice dello sbarco alleato sulle coste siciliane per l’avvio della Campagna d’Italia. Capizzi è il punto di partenza dal quale avanza il IV Tabor, truppe di “goumiers”
Capizzi ,Troina,Cerami, ultimi baluardi di una guerra terribile. Le cosiddette "marocchinate"che pochi conoscono; una ricostruzione storica che non intende farne una questione etnica quanto un necessario evidenziare le responsabilità militari e culturali del patriarcale Occidente e ricordare che la guerra (tutte le guerre!) significa mancanza di umanità, assenza di pietà soprattutto nei confronti delle donne ritenute bottini di guerra.

Di questa triste pagina di storia le donne siciliane aspettano le scuse da parte di chi ha perpetrato questi terribili atti.